Il fattore umano è essenziale per la crescita dell’Asia dell’Est

Anche gli economisti sbagliano, a volte. Alla fine degli anni ’50 l’economista svedese premio Nobel nel 1974 Gunnar Myrdal dichiarò che Burma e le Filippine erano, a suo giudizio, le due nazioni asiatiche con le maggiori probabilità di crescita rapida. Questa errata previsione – condivisa da molti – si basava in parte sul fatto che le Filippine e Burma (oggi … Continua a leggere

Singapore: la crescita del m-commerce è inarrestabile!

Nel sudest asiatico, la città-stato di Singapore, un arcipelago composto da 63 isole e con 5,183,700 abitanti, il commercio “mobile” (o m-commerce) ha osservato, in un solo anno, una crescita fenomenale, passando dai 43 milioni di dollari di Singapore (pari a circa 28 milioni di euro) del 2010 ai 328 milioni (214 milioni) del 2011: una crescita del 660%, attribuita … Continua a leggere

Filippine: consumatori “risparmiosi” e disposti a pagare per la qualità

Secondo una recente ricerca, malgrado le ondate di prodotti a basso costo che invadono il loro mercato, i filippini sono disposti a pagare di più per le marche che ritengono più affidabili, più durevoli e di maggior qualità. E queste sono state le risposte non solo della maggioranza degli intervistati con maggiori disponibilità economiche, ma anche di quella meno abbiente. … Continua a leggere

Timor-Est è in pieno boom: ma quanto durerà?

Timor-Est fu colonizzata dal Portogallo nel sedicesimo secolo e chiamata “Timor Portoghese” fino alla sua decolonizzazione. Alla fine del 1975, Timor-Est dichiarò la propria indipendenza, ma poco dopo fu invasa ed occupata dall’Indonesia, che la annesse a se come 27a provincia l’anno seguente. Nel 1999, dopo un atto di auto-determinazione sponsorizzato dalle Nazioni Unite, l’Indonesia rinunciò al controllo del territorio … Continua a leggere

La demagogia e l’inevitabile declino dell’economia tailandese

Dal colpo di stato che nel 2006 sovvertì il governo di Thaksin Shinawatra, in Tailandia ci sono state due tornate elettorali, nel 2007 e nel 2011, in entrambe nelle quali i partiti allineati al vecchio governo deposto hanno raccolto più consensi di tutti gli altri candidati. Il tutto, ovviamente, mentre Thaksin rimane in esilio. Queste vittorie consecutive sottolineano l’influenza che … Continua a leggere

Nelle scuole asiatiche si passa dalla lavagna ai computer tablet

L’arrivo dei tablet rivoluzionerà la vita degli studenti asiatici: in anticipo sulla crescente penetrazione del digitale in ogni aspetto della quotidianità, la Corea del Sud prevede di eliminare le tradizionali cartelle degli studenti entro il 2012. Internet è nata negli Stati Uniti ma è in paesi come Singapore o Corea del Sud che sta dimostrando le sue effettive potenzialità di … Continua a leggere

In Laos ora c’è una statua, per tener testa a Cina e Tailandia

A Vientiane, capitale della Repubblica Popolare Democratica del Laos, è stata recentemente eretta una statua del Re Anouvong che, da molti, può essere vista come una diretta contestazione della supremazia della vicina – e, per certi modi, ingombrante – Tailandia o, quantomeno, come un messaggio forte, nel quale il regime laotiano ribadisce la propria volontà di resistenza contro i tentativi … Continua a leggere

Filippine: la questione del divorzio non smette di dividere

Un po’ di tempo fa ho avuto modo di fare quattro chiacchiere con la mia amica Marilyn, 30 anni, sposata da meno di due anni quando il suo matrimonio è andato a gambe all’aria. Ma, come per numerosi altri filippini nella sua situazione, le possibilità di ottenere un divorzio sono poche. Le leggi d’ispirazione cattolica in vigore nel suo paese, … Continua a leggere

L’enigma sublime di Angkor

Angkor è uno di quei posti al mondo che tutti dovrebbero vedere almeno una volta nella loro vita. Se il mondo antico avesse conosciuto Angkor, l’avrebbe sicuramente inclusa nella lista delle sette meraviglie del mondo. E il fatto che non sia stata inclusa nella nuova lista, compilata – nel 2007 – dall’astuta “New 7 Wonders Foundation” sulla base di un … Continua a leggere

In Tailandia, i lavoratori birmani si ribellano

Per la giovane Eh Mon e per circa altri 900 lavoratori immigrati originari della Birmania, la paura e la sottomissione appartengono ormai al passato. Eh Mon, infatti, è tra gli immigranti che, lo scorso settembre, hanno dichiarato sciopero nella fabbrica della Dechapanich Fishing Net Factory, Ltd, nella località tailandese di Khon Kaen (nord-est), dove si fabbricano reti da pesca. Le … Continua a leggere