Falso taxi in fuga con passeggero “esterno”…

asia orientale,cina,chengdu,sichuan,attualità,social network,video,youku,polizia,tassistaIn Cina clonano tutto, persino i taxi e quello ritratto in questo video sta scappando con uno speciale optional: un poliziotto sul cofano! Il video, girato a Chengdu, la capitale della provincia di Sichuan, nel sud-ovest cinese, è stato visto un milione di volte nel primo giorno di pubblicazione su Youku, popolare piattaforma di condivisione di video cinese. 

Da notare la rapida reazione dell’autista del bus e di un “vero tassista”, i cui interventi fulminei hanno consentito l’arresto del mezzo e del conducente.

Approfodimento

Wikipedia: Il Sichuan by Virgilio Sapere

Scritto: da Luis Batista

 

 

La cultura dell’Asia e dell’area del Pacifico, le loro tradizioni, la politica e l’economia del quadrante, la loro arte, la loro storia e la loro filosofia ti affascinano e sei sempre alla ricerca di informazioni o di chiarimenti? Su Virgilio Genio trovi le risposte migliori e le persone più esperte per risolvere i tuoi quesiti.

 

 

Codice QR dell’articolo: Falso taxi in fuga con passeggero “esterno”….

qrcode

QR Code Generator / Info, Supporto & FAQ

 

 

 

 

Disclaimer

Asia Focus non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7 marzo 2001 e nella fattispecie non è sottoposto agli obblighi previsti dalla legge n° 47 dell’8 febbraio 1948.

L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, né del contenuto dei siti ad esso collegati.

Alcune, immagini e materiale multimediale in genere inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, si prega di comunicarlo via e-mail e saranno immediatamente rimossi.

 

Falso taxi in fuga con passeggero “esterno”…ultima modifica: 2011-07-12T13:38:00+02:00da bellefotoblog
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento